giovedì 1 novembre 2007

il libro nel cassetto, prima che salga sul comodino

Stavo pensando di scrivere un romanzo.
Ho i protagonisti.
Lui è un ex. Ex primo della classe, ex campione ai concorsi matematici, ex ballerino di ballo liscio, ex bevitore di vodka, ex marito, professione pensatore.
Lei è una post. Post sessantottina, post comunista, post traumatizzata, frequentatrice seriale di corsi post laurea senza aver mai finito il liceo, commentatrice di post, post coniugata che è come dire divorziata anche se preferirebbe vedova. E con un culo da favola. Un posteriore, meglio.
Hanno due figli.
Il primo è un aspirante osteopata, omosessuale dichiarato (nel senso che non l’ha detto a nessuno ma lo capiscono tutti), vive a casa con il padre (meno male, perché almeno lui, il figlio, cucina).
E poi Justine, la figlia. Alta, bella come un'incantatrice di serpenti, sempre vestita di nero. C'è chi ha ucciso per lei e chi, per dimenticarla, si è scolato tutto quello che c'era in cantina. Suora di clausura.
Ho il titolo: si nasce nudi e se va bene si muore in pigiama.
Alla trama ci penso nei prossimi giorni. O negli anni a venire. Chissà

Nessun commento:

Archivio blog